Territorio

Contro il traffico di stupefacenti, serve più che mai fare squadra tra amministratori, legalizzare le droghe leggere e sostenere sempre di più le associazioni che fungono da presidio sul territorio.
Legalizzare le droghe leggere

Compravano hashish e cocaina all'ingrosso dai clan camorristici di Napoli, quindi la importavano proprio sul nostro territorio per rifornire i mediatori e i pusher della Versilia e della Lucchesia.

Il nostro plauso va alle Forze dell'Ordine, per essere riuscite a fermare oggi i 14 soggetti a capo del giro di spaccio.

Nonostante ciò, questa terribile vicenda che parla di criminalità organizzata conferma quanto ancora sia necessario e prioritario il lavoro delle istituzioni, della scuola, degli ordini professionali e del Terzo Settore sul fronte della prevenzione e della sensibilizzazione ai rischi di un consumo incontrollato di stupefacenti.

Non solo, perché oltre ad agire alla base non possiamo cedere di un passo nel dare supporto a chiunque cada nella fitta rete del crimine organizzato e dell'usura.

Come questo episodio ci dimostra, l’amara realtà è che abbiamo ancora molto lavoro da fare prima che il territorio della nostra provincia possa dirsi la terra della legalità per cui noi tutti ci diamo da fare.

 

Serve più che mai unire le forze di tutti gli amministratori e le amministratrici locali, sostenere con forza l’azione delle Forze dell’Ordine, recuperare immediatamente le redini della battaglia per legalizzare le droghe leggere e non dimenticare neppure per un secondo tutte le realtà associative che ogni giorno fungono da presidio insostituibile sul territorio.

Valentina Mercanti

Sono nata il 5 maggio 1982 a Lucca, dove vivo con Luca, mio marito, e Nando, il nostro cane. Tra i suoi paesi e le affollate vie del centro ho coltivato l'amore per il nostro immenso patrimonio di arti e mestieri, da tutelare e sostenere con ogni mezzo. Così, dopo una significativa esperienza di volontariato in Emergency, nel 2012 ho avviato il mio impegno politico con l'adesione al progetto del Partito Democratico. Prima in città e oggi in Regione, ma da allora sono fiera di poter lavorare ogni giorno per la mia comunità e il nostro straordinario territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *